News in pillole Personale PA — 12 luglio 2013

La Regione  FVG,  con nota pubblicata il 14 giugno 2013,  risponde ad una richiesta di chiarimenti posta da un ente che chiede di sapere  se l’obbligo di presentazione della documentazione di cui agli artt. 2, 3 e 4 della legge 5 luglio 1982, n. 441 riguardi i titolari di incarichi pubblici di carattere elettivo di tutti i comuni o solamente di quelli con popolazione superiore a 15.000 abitanti.

La Regione FVG giunge alle seguenti conclusioni: “Nelle more dei necessari chiarimenti da parte dei competenti uffici statali, si ritiene opportuno considerare le disposizioni di cui all’articolo 14 del d.lgs. 33/2013 applicabili ai componenti degli organi di indirizzo politico di tutti i comuni, indipendentemente dalla soglia demografica degli stessi”.
Nello specifico nella  nota si legge che “il d.lgs. 33/2013 ha modificato la disciplina in tema di obblighi di pubblicazione concernenti i componenti degli organi di indirizzo politico, materia che, a decorrere dal 20.04.2013 (data di entrata in vigore del decreto legislativo), risulta normata dall’articolo 14 di detto decreto e dagli articoli 2, 3 e 4 della l. 441/1982, come modificati dall’art. 52 del medesimo decreto. Inoltre, da tale data risulta abrogato l’articolo 41-bis [1] del d.lgs. 267/2000 (art. 53, comma 1, lett. c).
Si osserva che l’articolo 14 del d.lgs. 33/2013, pur richiamando al comma 1, lettera f) gli articoli 2, 3 e 4 della l. 441/1982 (applicabili, ai sensi del precedente articolo 1 n. 5 della medesima legge, ai Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti), non differenzia in alcun modo gli enti locali in relazione alla loro popolazione, essendo rivolto, in via generale, alle ‘pubbliche amministrazioni’.
Conseguentemente non risulta chiaro se, ai sensi dell’art. 14 del d.lgs. 33/2013, tutti i comuni, a prescindere dalla dimensione demografica, siano tenuti a dar corso agli adempimenti in tema di pubblicazione concernenti i componenti degli organi di indirizzo politico relativi alle dichiarazioni di cui agli artt. 2, 3 e 4 della l. 441/1982, come modificata dall’art. 52 del decreto.
In considerazione dei summenzionati dubbi interpretativi, questo Servizio ha provveduto a trasmettere un quesito al Dipartimento della Funzione Pubblica e provvederà tempestivamente ad informare l’Ente instante circa il contenuto della risposta.
Nelle more dei necessari chiarimenti da parte dei competenti uffici statali, si ritiene opportuno considerare le disposizioni di cui all’articolo 14 del d.lgs. 33/2013 applicabili ai componenti degli organi di indirizzo politico di tutti i comuni, indipendentemente dalla soglia demografica degli stessi.
Si rappresenta, tuttavia, che, ai sensi dell’articolo 49, comma 3, del decreto legislativo in commento, ‘Le sanzioni di cui all’articolo 47 [2] si applicano per ciascuna amministrazione, a partire dalla data di adozione del primo aggiornamento annuale del Piano triennale della trasparenza e comunque a partire dal centottantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto”.

 

 

 

Share

About Author

Tiziana Flenghi

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *