News in pillole Personale PA — 15 novembre 2013

LE FERIE NON GODUTE NON POSSONO ESSERE ASSOGGETTATE AL DIVIETO DI MONETIZZAZIONE

La Corte dei Conti per il Veneto, con parere 342 del 12 novembre 2013, risponde a una richiesta di parere formulata ai sensi dell’articolo 7, comma 8, della Legge 131/2003, in merito alla possibilità di riconoscere la monetizzazione delle ferie maturate e non godute prima della entrata in vigore dell’art. 5, comma 8, del D.L. n. 95 del 6.7.2012, conv. nella Legge n. 135 del 7 agosto 2012, a norma del quale “le ferie, i riposi ed i permessi spettanti al personale … sono obbligatoriamente fruiti secondo quanto previsto dai rispettivi ordinamenti e non danno luogo in nessun caso alla corresponsione di trattamenti economici sostitutivi” ovvero se tale riconoscimento sia suscettibile di generare, in capo al responsabile del servizio finanziario che ne disponga la liquidazione, responsabilità disciplinare ed amministrativa, così come previsto dall’ultimo capoverso della citata disposizione.
La Corte chiarisce che: “le ferie spettanti al dipendente e da questi non godute entro i limiti legali e/o contrattuali, a tal fine, previsti nel singolo comparto di appartenenza prima della vigenza del decreto legge (convertito), non possano ritenersi assoggettate al divieto di monetizzazione, trattandosi di un diritto ormai sorto ovvero di una fattispecie già perfezionata, della quale, cioè, sono venuti ad esistenza tutti i presupposti (ove, naturalmente, ciò sia effettivamente accaduto, secondo le disposizioni contrattuali e di legge, in concreto, operanti nel caso specifico).
In mancanza di una disciplina ‘intertemporale’ che abbia esteso gli effetti del divieto anche alle ferie non più fruibili alla data di entrata in vigore della norma – come nella specie – dunque, non può che concludersi nel senso della esclusione delle stesse (e del conseguente diritto alla monetizzazione) dalla relativa previsione”.

Share

About Author

Tiziana Flenghi

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *