EE.LL./Territorio — 25 febbraio 2014

Occasioni per incrementare la capacità innovativa e la competitività sul mercato delle nostre imprese

 

Il bando “Insieme per vincere” emesso dalla Regione Lazio consta di uno stanziamento complessivo di 50 milioni al quale, ancora oggi è possibile accedervi per le aggregazioni di imprese e altri organismi pubblici o privati, fino a esaurimento delle risorse e comunque non oltre il 30 giugno 2014.

L’obiettivo del bando è favorire la condivisione di conoscenze e la capacità di innovazione delle imprese per rafforzarle e renderle più competitive sul mercato internazionale.

Per queste finalità sono stati riconosciuti 3 opportunità di finanziamento per:

1)       Start Up Reti per promuovere progetti imprenditoriali per la costituzione di aggregazioni tra piccole e medie imprese nella forma del “Contratto di rete”( Da 50 mila a massimo 200 mila euro)

2)       Investimenti in Rete per promuovere progetti imprenditoriali per la realizzazione del ‘Progetto imprenditoriale comune di rete’ da parte di piccole e medie imprese e dei loro investimenti innovativi (Da 250 mila a massimo 3 milioni di euro)

3)       VAL – Valore Aggiunto Lazio per sostenere gli investimenti di aggregazioni tra imprese grandi e medie e piccole su ricerca, innovazione e sviluppo(Da 1 milione a un massimo di 10 milioni di euro, in funzione delle caratteristiche dei raggruppamenti)

Le spese previste sono:

1)       Start Up Reti: acquisizione di servizi reali necessarie a elaborare il programma di rete e alla stipula del contratto di rete

2)       Investimenti in Rete:realizzare il progetto imprenditoriale comune per investimenti materiali, immateriali e per l’acquisizione di servizi reali

3)       VAL – Valore Aggiunto Lazio:attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e per l’acquisizione di diritti di proprietà industriale, realizzate in maniera congiunta da tutte le imprese del raggruppamento, eventualmente anche in collaborazione con organismi di ricerca.

Attraverso questa formula del “Contratto di rete” le imprese potranno perseguire lo scopo di accrescere individualmente o collettivamente la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato sulla base di un programma comune collaborando e scambiando informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica, ovvero esercitando in comune una o più attività rientranti nell’oggetto della propria impresa”.

L’evoluzione normativa (la Legge 134/ 2012 prima e 221/ 2013 poi) ci ha fatto conoscere due modelli di rete: la “rete contratto” e la “rete soggetto”, quest’ultima dotata di personalità giuridica che opera con una propria partita IVA, di una propria sede e di un fondo patrimoniale, meno flessibile della rete contratto che, di fatto, è lo strumento più usato.

A queste opportunità si aggiungono quelle del bando del Ministero dei beni culturali rivolto a supportare i processi di riorganizzazione della filiera turistica, migliorare la specializzazione e la qualificazione del comparto e incoraggiare gli investimenti per accrescere la capacità competitiva e innovativa dell’imprenditorialità turistica nazionale, in particolare sui mercati esteri.

In tal caso sono ammissibili proposte progettuali che prevedano spese complessivamente

non inferiori a euro 400.000,00. In particolare, i progetti dovranno prevedere una o più delle seguenti attività:

1)      iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso: la messa a sistema degli strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi;

2)      iniziative che migliorino la conoscenza del territorio a fini turistici con particolare riferimento a sistemi di promo-commercializzazione on line;

3)      implementazione di iniziative di promo-commercializzazione che utilizzino le nuove tecnologie e, in particolare, i nuovi strumenti di social marketing;

4)      sviluppo di iniziative e strumenti di promo-commercializzazione condivise fra le aziende della rete finalizzate alla creazione di pacchetti turistici innovativi;

5)      promozione delle imprese sui mercati esteri attraverso la partecipazione a fiere e la creazione di materiali promozionali comuni.

Due opportunità da cogliere al volo impegnando creatività e spirito di iniziativa.

 

STEFANIA AVERNI

Share

About Author

Tiziana Flenghi

(0) Readers Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>